Tom Daley, un campione nei tuffi come esempio per i colleghi omosessuali e non

La determinazione del tuffatore Tom Daley anche nella vita privata

Thomas Robert Daley, Tom Daley, è nato il 21 maggio del 1994 a Plymouth. Famoso per la sua bravura nel tuffarsi, ha iniziato all’età di 7 anni a praticare questo sport.

Una carriera molto rapida che lo ha visto nel 2002 già parte della squadra agonistica. La sua prima gara da agonista è stata nel 2003 con i National Novice Championships e nel 2009 è già diventato campione del mondo nella piattaforma da 10 metri ai Mondiali di Roma. Naturalmente ha partecipato alle Olimpiadi sia nel 2008 che nel 2012. Nelle ultime si è aggiudicato la medaglia di bronzo. Inutile dire che le medaglie conquistate sono davvero molte.

Un ragazzo che oltre ad aver un talento nello sport si è anche dimostrato sensibile e attento a ciò che lo circonda. Dall’età di 13 ani è infatti sostenitore di ChildLine, una helpline dedicata ai bambini. Ha rivelato al quotidiano “The Herald” che la sua sensibilità nasce anche dal fatto di essere stato vittima di bulismo a scuola. Ha infatti dovuto lasciare l’istituto poiché le minacce che gli venivano fatte erano davvero forti.

La determinazione del tuffatore Tom Daley anche nella vita privata

Nonostante il grande successo nello sport la vita di questo ragazzo non è certamente stata facile, oltre al bullismo ha dovuto spettorare lo stress per gli allenamenti intensi per le gare ed in preparazione alle olimpiadi per ben due volte. Un importante avvenimento che sicuramente ha dato un forte impatto alla vita di TomDaley è la morte del padre che si è ammalato due volte di tumore al cervello. La prima volta riuscendo a guarire mentre la seconda purtroppo lascando figli e moglie.

Nel 2010 e 2012 la BBC ha trasmesso due documentari sull’atleta in cui si parla anche del padre e del suo ruolo decisivo nella sua carriera. Nel 2012 è poi uscita anche la sua biografia “My Story” e l’anno successivo attraverso il canale YouTube ha fatto coming out. Una dichiarazione pubblica degna di un ragazzo della nuova generazione che non poteva che essere fatta online tramite un canale social diffuso e seguitissimo.

La determinazione del tuffatore Tom Daley anche nella vita privata

Nella sua dichiarazione Tom Daley ha inoltre svelato di avere un compagno e anche che la sua omosessualità era quell’anno qualcosa di nuovo: «Ho incontrato qualcuno, che mi ha reso felice e mi ha fatto sentire al sicuro. Questa persona è un ragazzo. Mi piacciono ancora le ragazze ma al momento mi vedo con un uomo e non potrei essere più felice». Nel 2014 la sua relazione è stata ufficializzata svelando a tutti che il misterioso ragazzo con cui si frequenta è Dustin Lance Black e che i due convivono a Londra. L’iniziale confusione sul suo orientamento sessuale è stato poi chiarito. Tom Daley ha infatti poi dichiarato di non essere bisessuale, come molti hanno ipotizzato dopo le sue parole, ma di essere felicemente gay.

La sua forza e le sue parole sono state di aiuto anche per il tuffatore brasiliano, Ian Matos, che nel 2014 al Correio Braziliense ha dichiarato la sua omosessualità.

Martina Saliva